Notizia
Lunedì 4 Novembre 2019

Per lo Spakka una "Caporetto" in quel di Cerea

Isuzu Pall. Cerea vs AD SPAKKA VOLLEY VR: 3-0 (25-13,25-20,25-18)

AD SPAKKA VOLLEY: Albrizio 7, Coscia 5, Permunian 3, Pintani 3, Toniato 7, Muzzupappa, Strazzer (libero), Borin, Ferraro; n.e:Occhi, Fraccarollo, Zurma, Zeggio,Ramarro (libero2). All:Pollini

Derby da dimenticare per la compagine dello Spakka che esce da Cerea con le ossa rotte. Pollini parte con Muzzupappa in regia, Pintani opposto, Albrizio e Toniato laterali, Coscia e Permunian al centro con Strazzer libero. Fino al 6-4 per le ospiti la partita sembra equilibrata con il numeroso pubblico a godersi le belle azioni delle due squadre. Poi il turno al servizio di Tamassia apre un baratro nel quale la squadra di Villa Bartolomea sprofonda. Poco serve la reazione che porta al 10-10 perchè ancora una serie di errori in ricezione e non solo porta il Cerea avanti 17-11. Non c'è più partita per le spakkagirls colpevoli di scarsa lucidità e poco carattere. La cronaca dei set la risparmiamo per non soffrire troppo nel doverla riportare. Nel terzo parziale sembra ci sia una reazione delle biancorosse, ma è solo un fuoco di paglia. A parlare sono i numeri che raccontano di una quarantina di errori tra aces subiti, battute sbagliate, errori in attacco, invasioni, infrazioni al palleggio. Stasera le atlete di mister Pollini dovranno fare un profondo esame di coscienza e presentarsi lunedi in palestra con la voglia di giocare e spirito di sacrificio mancato stasera. Un plauso invece al Cerea che ci ha creduto in ogni set. Appuntamento sabato prossimo a Villa Bartolomea per una partita fondamentale contro il Bolzano.


Fonte: Spakka Volley
Allegati
Newsletter

Per registrarti al nostro servizio di newsletter inserisci qui il tuo indirizzo email.

Federazione Italiana Pallavolo - Comitato Provinciale Verona
c/o Stadio Bentegodi, Piazzale Olimpia, Cancello E/20 - 37138 Verona - Telefono: 045 580192 - Fax: 045 580325 - SMS Risultati: 335 7313093
© 2016-2019 - Tutti i diritti riservati
Sito realizzato da Marco Pernpruner